Cosa sono i DSA?

Quando si parla di DSA – Disturbi Specifici dell’Apprendimento ci si riferisce a disturbi di origine neurobiologica che riguardano ambiti specifici come la lettura, scrittura o calcolo. È possibile che il disturbo si manifesti in un solo ambito, ma spesso coinvolge più aree.
La comunità scientifica internazionale ha stabilito un criterio fondamentale per la definizione e la diagnosi dei DSA: il criterio della discrepanza. Come suggerisce la stessa parola, i DSA sono caratterizzati e si identificano da una inattesa “scollatura”, “divario”, tra livello intellettivo generale (comunemente detto “intelligenza”) e riuscita negli apprendimenti di base lettura, scrittura e calcolo.

Un bambino con un’intelligenza nella media e un’abilità di lettura significativamente inferiore rispetto a quella dei coetanei, mostra appunto una discrepanza inattesa, che potrebbe indicare la presenza di un disturbo specifico dell’apprendimento.
A seconda dell’area in cui si manifestano si parla di dislessia in caso di difficoltà nella lettura, disortografia e disgrafia per difficoltà nella scrittura e discalculia per difficoltà nelle operazioni di calcolo.
I DSA emergono quindi già dai primi anni di scuola, ma sarà possibile farla una diagnosi solo alla fine della seconda elementare (abilità di lettura e scrittura) o in terza elementare (abilità nel calcolo).

Per una evoluzione positiva di tali disturbi è fondamentale la precocità ed adeguatezza dell’intervento, oltre che dalle misure compensative prese nell’ambito del percorso scolastico per favorire l’apprendimento.

Quali sono i servizi proposti da Il Raggio Verde per i DSA?
Valutazione e diagnosi

La diagnosi è effettuata attraverso la somministrazione di test di valutazione delle abilità scolastiche, congrui per età e classe frequentata dal bambino/a e di test multidimensionali per la valutazione del livello intellettivo
Trattamento e riabilitazione

Proponiamo percorsi personalizzati che mirano ad allenare la specifica abilità deficitaria al massimo e contemporaneamente a insegnare al bambino l’uso di strategie specifiche e aiuterà a conoscere ed utilizzare al meglio gli strumenti compensativi e le misure dispensative a scuola.

Gli interventi hanno inoltre come obiettivo il rafforzamento dell’autostima, la modificazione di atteggiamenti e comportamenti disfunzionali.

Gli interventi terapeutici predisposti per ciascun bambino devono essere organizzati secondo un modello di rete che coinvolge il bambino, la sua famiglia, la scuola e l’équipe che lo ha in carico; è previsto anche un intervento di consulenza alla famiglia del bambino per lavorare sulle criticità che il DSA porta all’interno delle relazioni familiari, nonché la consulenza alle insegnanti.

Referente dott.ssa Chiara Fanciulli
<nbsp;>

<nbsp;>